Storia

Agriturismo Fattoria di Fiocina

Fattoria di Fiocina

Storia

Fiocina è un toponimo antico che risale al 1136. La proprietà fu acquistata dagli antenati degli attuali proprietari nel 1770. La Fattoria aveva delle stanze “signorili” per i proprietari, con una grande cucina tipica e soffiti a volta, mentre il resto dell’edificio era abitato dai nuclei familiari dei contadini che lavoravano i terreni circostanti. Al pian terreno c’erano le stalle per il bestiame e per i buoi, (usati come “forza motrice”) è la cantina, con botti in legno ed in seguito, tini in muratura per la fermentazione del vino. L’aia sul retro veniva usata per la trebbiatura del grano e del mais e per la pressatura dell’uva nella “strettoia”. Nella casa colonica e nelle strutture adiacenti, il bottaio, il fabbro ed il falegname svolgevano i loro mestieri. Le foto risalenti al 1890 dimostrano come, allora, la trebbiatura del granturco fosse già meccanizzata, benchè usassero ancora i buoi per tirare l’aratro. A quell’epoca, la tenuta era anche una riserva di caccia con boschetti ovunque ed è rimasta tale fino al 1970 quando i terreni furono razionalizzati per le lavorazioni moderne. Fiocina è stata convertita progressivamente in una struttura agrituristica e nel 2014 i proprietari hanno deciso di gestire l’attività personalmente cercando di restituire alla Fattoria la sua dimensione storica, caratteristica e intima, rispecchiando la lunga storia che la famiglia ha in comune con questi luoghi. Il complesso di questi fabbricati fa parte di un’azienda agricola che tutt’oggi svolge la sua attività.
Potete vedere le foto storiche, scattate nel 1890 dal nonno degli attuali proprietari, nella galleria foto.

I commenti sono disattivati